Fiabe un po' da piangere

Fiabe un po' da piangere

Italo Calvino

Una volta si racconta che c'era sette figlie
tutte femmine, figlie d'un Re e d'una
Regina...
Così inizia la favola di Sfortuna,
in cui una tenace principessa riesce
a trasformare la sua cattiva Sorte. E
poi c'è la storia di Bellinda e il Mostro,
in cui una giovane generosa e sensibile
si sacrifica e ama oltre le apparenze.
L'Uccel Belverde racconta di intrighi
familiari, figli coraggiosi e inganni svelati,
mentre Pomo e Scorzo narra di maghi,
fate e incantesimi in un crescendo
di colpi di scena. E infine Il Principe canarino,
in cui l'amore trionfa a dispetto
della crudeltà!

Cinque fiabe che non fanno piangere
davvero, ma che commuovono solo un
po', illustrate da Desideria Guicciardini
con raffinatezza e partecipe stupore.
Le Fiabe italiane racchiudono il tesoro
della tradizione fiabistica popolare degli
ultimi cent'anni. Da quello scrigno Calvino
stesso ha selezionato per i più piccoli
queste storie, in cui le vite di persone
e animali si intrecciano a magia e
meraviglia senza tempo.

Commenta su Facebook

dati tecnici

  • anno 2013
  • ISBN 978880462830
  • pagine 96
  • dimensioni 14,0 x 21,5 cm
  • confezione cartonato con sovraccoperta

L'autore

Italo Calvino

Italo Calvino

Cuba 1923 - Siena 1985. Esordì con Il sentiero dei nidi di ragno (1947), romanzo seguito da grandi successi internazionali di narrativa e di saggistica, tra i quali Il visconte dimezzato (1952), Fiabe italiane (1956), Il barone rampante (1957), Il cavaliere inesistente (1959), Marcovaldo (1963), Le Cosmicomiche (1965), Le città invisibili (1972), Se una notte d'inverno un viaggiatore (1979), Palomar (1983) e le postume Lezioni americane.

leggi profilo completo