Consigli di lettura per spiegare la Shoah ai ragazzi (11+)

Consigli di lettura per spiegare la Shoah ai ragazzi (11+)

La settimana scorsa abbiamo parlato dei libri per la fascia d’età 5-10 anni sulle tematiche della Shoah e della Seconda Guerra Mondiale. In questo articolo invece trovi consigli di lettura per bambini dagli 11 anni in sù.

Il baule dei segreti. La storia delle bambine sopravvissute ad Auschwitz di Andra e Tatiana Bucci: mentre Andra e Tati giocano, ritrovano un baule chiuso e dimenticato. È il 1950 ma i ricordi che riemergono raccontano la storia della loro famiglia negli anni della guerra e la deportazione ad Auschwitz.

Le due sorelle, dopo la Liberazione, vivono i giorni in orfanotrofio ma la vita ha in serbo per loro un nuovo inizio.

La porta di Anne di Guia Risari: in questa riscrittura del Diario di Anne Frank, i protagonisti sono otto persone nascoste nella soffitta di una casa di Amsterdam, sognano la libertà e la fine dell’incubo nazista. Ma c’è un’altra persona, il cui sogno è ben diverso: un sottufficiale delle SS sta facendo di tutto per scovare gli ebrei e ottenere la tanto agognata promozione.

I ragazzi di Villa Emma di Annalisa Strada e Gianluigi Spini (Alta Leggibilità): alla stazione di Nonantola (in provincia di Modena) un gruppo di ragazzi scende veloce dal treno. Si guardano intorno impauriti, non sanno dove andare.

Sono tutti ebrei in fuga dalla deportazione: è il luglio 1942 e hanno lasciato indietro amici, fratelli, genitori per provare a salvarsi. Il loro futuro dipenderà dal coraggio di un intero paese.

La guerra di Catherine di Julia Billet, illustrato da Claire Fauvel: Catherine è timida e dolce, si sposta di continuo, al collo porta sempre la sua macchina fotografica. Catherine non è il suo vero nome, ma quello di prima, Rachel, è pericoloso da usare. Rachel è una ragazza ebrea francese, Catherine invece è una persona normale, senza legami con il suo passato.

Una storia tra parole e immagini di una ragazza in cerca della propria identità, in un periodo in cui essere sé stessi poteva costare la vita.

La porta della libertà di Daniela Morelli: la guerra è sempre un combattimento tra fazioni opposte. Giordano da una parte è un ragazzino che abita sul confine con la Svizzera; Rachele è in fuga con la sua famiglia e cerca salvezza. La vita di Giordano è monotona, quella di Rachel è piena di forza d’animo e speranza. 

In quell’estate 1943 Rachele e Giordano dovranno scegliere da che parte della rete stare, forse entrambi possono trovare la libertà.

Il piccolo burattinaio di Varsavia di Eva Weaver: Max è un soldato tedesco in servizio in Polonia quando incontra Mika, un ragazzo ebreo che indossa un cappotto troppo grande e misterioso.

Al suo interno ci sono un coccodrillo, un giullare, una scimmia, una principessa e un principe: burattini che Mika ha ereditato dal nonno. A volte basta un esercito di marionette per trovare una nuova speranza.

Storie e non solo vedi tutti

Libri da regalare alle mamme

L'8 maggio è la festa della mamma: quale occasione migliore di dirle "Ti voglio un mondo di bene" con un libro? Ecco i nostri consigli: Ti voglio bene mamma di Eric...

La guerra di Marco - Intervista a Marco Magnone di Davide Morosinotto

La guerra di Marco - Intervista a Marco Magnone di Davide Morosinotto

In occasione del 25 aprile, abbiamo chiesto a Davide Morosinotto di intervistare Marco Magnone, in occasione del suo nuovo libro La guerra di Celeste. Aggettivi per descrivere Marco Magnone: una persona sorridente,...

Festeggia i papà con una storia

Festeggia i papà con una storia

Il 19 marzo è la festa del papà: quale occasione migliore per leggere insieme una bella storia? Se poi come protagonisti ci sono dei papà fenomenali, il divertimento è...

Per dire ti amo basta un libro

Per dire ti amo basta un libro

L’amore è per tutti e di tutti: papà, mamma, nipoti, fidanzato, fidanzata… questi libri raccontano storie d’amore senza genere e senza età. Perché...

Vietato fare la cacca sul mio libro!

Vietato fare la cacca sul mio libro!

Di libri sulla cacca ce ne sono tanti, perché? Be’ perché la cacca - nonostante gli adulti cerchino di parlarne il meno possibile! - è qualcosa di normalissimo, presente nella vita di...